Referendum acqua, nucleare, legittimo impedimento: 7 sciocchezze e 1 domanda

Questo è un gran giorno perché da oggi…

  • non ho più impedimenti, ma semplici impegni
  • il vocabolo “Sì” significa di nuovo “Sì”
  • si può fare il bidè (anche più volte al giorno per gli appassionati)
  • non serve più il valium contro l’ansia da schede sovrapposte
  • gente che non va in chiesa dal ’15-’18 torna a essere in disaccordo col Papa
  • la Befana non porterà ai bambini cattivi scorie nucleari, ma il solito carbone
  • qualcuno non saprà più cosa scrivere su Facebook

In tutto ciò, quella di Fukushima torna a essere una tragedia e un dramma umano che non ha bisogno di strumentalizzazioni politiche per essere ricordato, partecipato, pregato. E può aprire una domanda che va oltre ai “sì” e ai “no”, alle leggi da promulgare o da abrogare: c’è qualcosa che salva la vita o è tutta solo una battaglia di voti, di numeri, di idee?

Non astenetevi da questa domanda.

Un commento a “Referendum acqua, nucleare, legittimo impedimento: 7 sciocchezze e 1 domanda

Rispondi