Tutti gli altri

Cinema d’essai e classici dimenticati o non troppo ricordati. Con qualche strappo alla regola.

Addio mr. Harris (Gran Bretagna, 1951) di Anthony Asquith

Ballata di un soldato (Unione Sovietica, 1959) di Grigori Chukhrai

C’era una volta in Anatolia (Turchia, 2011) di Nuri Bilge Ceylan

Coffee and cigarettes (USA, 2003) di Jim Jarmusch

Festa per il compleanno del caro amico Harold (1970) di William Friedkin

Festen (Danimarca, 1998) di Thomas Vinterberg

La fortezza nascosta (Giappone, 1958) di Akira Kurosawa

Fuori orario (USA, 1985) di Martin Scorsese

Harakiri (Giappone, 1962) di Masaki Kobayashi

Mary and Max (Australia, 2009) di Adam Elliot

Master and commander (USA, 2003) di Peter Weir

Metropolis (Germania, 1927) di Fritz Lang

Mohican comes home (Giappone, 2016) di Shûichi Okita

Nodo alla gola (USA, 1948) di Alfred Hitchcock

Nosferatu – Il vampiro (Germania, 1922) di F.W. Murnau

L’odio esplode a Dallas (USA, 1962) di Roger Corman

Oldboy (Sud Corea, 2003) di Chan-wook Park

La parola ai giurati (USA, 1957) di Sidney Lumet

Picnic a Hanging Rock (Australia, 1975) di Peter Weir

Il segreto dei suoi occhi (Argentina, 2009) di Juan José Campanella

I sette samurai (Giappone, 1954) di Akira Kurosawa

Gli spietati (USA, 1992) di Clint Eastwood

Stella solitaria (USA, 1996) di John Sayles

U-Boot 96 (Germania, 1981) di Wolfgang Petersen

Willow (USA, 1988) di Ron Howard

Rispondi