Davide Van De Sfroos – Brèva e Tivàn

Questo è il miglior album italiano del decennio, senza eccezioni di sorta.

È un disco intimo, volgare (cioè del volgo, del popolo), profondo, musicalmente prezioso. Dodici canzoni che, come 12 apostoli, si diffondono nell’etere a portare la buona novella. Una buona novella fatta di luoghi e personaggi paesani che racchiudono l’essenza della vita, quella vera.

Davide Van De Sfroos - Brèva e Tivàn (1999) copertina albumFöemm e proföemm ci porta dentro il bar sport,

“Quai vöen prèma de beev el fà el segnu de la cruus/Qualcuno prima di bere fa il segno della croce
quai vöen stravàcca tütt e bastèma a bassa vuus/qualcuno rovescia tutto e bestemmia a bassa voce”

la jezzata La nòcc ci parla di “vampiri senza deenc” e “fantasmi cun’t i reumatismi”, perché nel regno della notte i protagonisti sono altri.

È tutto un galoppare di poesia e fisarmonica, flauti, chitarra elettrica, fino alla poesia di quella che è forse la hit senza tempo, Pulènta e galèna frègia:

“La finestra la sbàtt i all, ma la sà che po’ mea na’ via/ e i stèll g’hann la facia lüstra cumè i öcc de la nustalgìa/ in questa stanza senza nissöen vàrdi luntàn e se vedi in facia/ in questa stanza de un òltru teemp, i mè fantasmi i làssen la traccia…”

Altre perle completano l’opera: La balèra, in bilico tra liscio e ska, è già un classico; La balàda del Genesio, malinconica e avvolgente filastrocca di un uomo di mondo; Cyberfolk, un’intuizione lessicale nonché una portentosa galoppata heavy-folk: ma bisognerebbe citarle tutte, perché ogni canzone racconta una storia e lascia una traccia.

Brèva e Tivàn è un album che si ascolta come un libro e ci apre al mondo meglio di un testo di storia. Ma la voce, la sua voce, quella non ve la posso raccontare.

  1. Föemm e pruföemm
  2. La balèra
  3. Il figlio di Guglielmo Tell
  4. La nòcc
  5. Hoka Hey
  6. La balàda del Genesio
  7. Cau boi
  8. Cyberfolk
  9. Pulènta e galèna frègia
  10. Il duello
  11. Ninna nanna del contrabbandiere
  12. Brèva e Tivàn

Rispondi