Dente – Non c’è due senza te

Non ricordo dove pescai questo incredibile artista emiliano, so solo che a un certo punto il suo cd entrò nella mia auto e non ne uscì per un bel pezzo.

Prima di attaccare con la recensione vera e propria di quello che è e probabilmente resterà il capolavoro di Dente, voglio segnalarvi che Non c’è due senza te è stato preceduto da un album piuttosto rustico e alquanto terrificante: Anice in bocca, 16 canzoni di cui ne salvo probabilmente solo una (che non ricordo).

Non c'è due senza te: copertina dell'album di DenteNon c’è due senza te è un album omogeneo: chitarra e voce e poco altro, canzoni all’apparenza tutte uguali, testi tutti geniali, pure i titoli sono studiati nel dettaglio, un dettaglio poetico e ironico.

13 pezzi che fanno sorridere e intristire insieme, dicono il contrario di quel ci si aspetta e vivono di giochi di parole mai banali. Come quelli fra titolo e testo della canzone nella conclusiva Chiedo, che è un elenco di “scusa per…”, o in Canzone di non amore “ti prego torna… ti prego torna… ti prego torna… ti prego torna… ti prego torna… da dove sei venuta”.

Per godere appieno di Non c’è due senza te ci vuole un po’ di pazienza: bisogna adattare il nostro orecchio assuefatto a motivetti alla Sole cuore amore e alle ennesime hit di Ligabue (pietà!) a queste melodie, più intime, sottili, all’apparenza monotone, capaci di condurci nei meandri del miglior cantautorato italiano.

Vi innamorerete di Dente, ve lo assicuro. E pazienza se il suo terzo album – L’amore non è bello – rivela una scrittura meno accurata e motivi più radiofonici, tanto il capolavoro l’ha già sfornato ed è qui, tutto per voi.

Non c’è due senza te (2007)

  1. Canzone di non amore
  2. Baby building
  3. La battaglia delle bande
  4. Dxg
  5. La fine del mondo
  6. Canzone pop
  7. Stella
  8. La presunta cecità di Irene
  9. 28 agosto
  10. Siecicentomille
  11. Oceano
  12. Scanto di sirene
  13. Chiedo

Ascolta Chiedo

Rispondi