Home 9 Film 9 Filmbrutti 9 Safari senza ritorno (1982)

Safari senza ritorno (1982)

Recensito martedì 29 Novembre 2011
Anno:
Durata:
Regia:
Sceneggiatura:
Produttore:
Cast:

Voto

Ecco un film che ha più titoli che voti in pagella: “Safari senza ritorno” e “Horror safari”. Ebbene sì: titoli 2, voto 1. A parte che “Safari senza ritorno” non ha senso: dal safari tornano ben due volte su due.

Ma i difetti non finiscono qui. Anzi, è solo l’inizio.

La trama: durante la seconda guerra mondiale è andato disperso un carico di lingotti d’oro nella giungla; dopo tanti anni vogliono andarlo a riprendere. Fine.

Ovviamente c’è il Buono, c’è il Cattivo e ci sono i terribili indigeni. Ci sono anche due belle femmine, entrambe invaghite del Buono. Peccato che il Buono abbia sì e no 60 anni portati malissimo e (aggravante) un’espressione alla John Wayne versione triste.

Il film è pieno di errori, di morti inspiegabili e quant’altro, ma supera se stesso in almeno 3 momenti:

  1. la scena del coccodrillo nel fiume: un coccodrillo aggredisce un indigeno, i due non si sfiorano nemmeno, ma l’indigeno muore. Personalmente è la scena peggiore che abbia mai visto in un film
  2. la ragazza che muore nel laghetto: all’improvviso sbatte le braccia, si dimena, poi muore senza causa apparente. Boh!
  3. il finale: dopo che non è successo praticamente nulla per 78 minuti, negli ultimi 2 capita di tutto, ma così in fretta e così male che è davvero uno spettacolo spiacevole per gli occhi e per il cuore.

Il film, ahimè, è una produzione italiana del 1982: mentre vincevamo i mondiali, della gentaglia girava sta zozzeria. Così è la vita.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.