Home 9 Film 9 Horror

Horror

In questa pagina ho raccolto alcuni titoli tra gli oltre 1000 film horror che ho visto nella mia vita e li ho divisi in due categorie:

  • le basi, cioè le pietre miliari del genere horror, quei film che dovreste vedere assolutamente almeno una volta nella vita
  • i film horror consigliati, ovvero tutti quegli altri titoli che mi hanno colpito per un motivo o per l'altro.

Il criterio di valutazione dei film horror

L’horror è un contenitore vastissimo e non catalogabile di generi, sottogeneri, tendenze, miscugli e ciofeche, ma gli scopi sono sintetizzabili in tre principali:

  • paura
  • divertimento
  • riflessione

Ogni film horror si prefigge almeno uno di questi obiettivi e va giudicato in base a quanto è in grado di realizzarli. Ad esempio, non si possono giudicare con lo stesso metro film come La Casa 2, Omen e Il demone sotto la pelle. Sono tre capolavori pensati rispettivamente per divertire, terrorizzare e far riflettere.

Film horror: le basi

Le pietre miliari del genere horror, i film che dovreste vedere assolutamente.

1997: Fuga da New York (1981) di John Carpenter – 8,5

Alien (1979) di Ridley Scott – 8,5

L’armata delle tenebre (1992) di Sam Raimi – 10 

Assalto alla terra (1954) di Gordon Douglas – 8

Bad taste – Fuori di testa (1987) di Peter Jackson – 8

Black Christmas – Un Natale rosso sangue (1974) di Bob Clark – 8

Cannibal Holocaust (1980) di Ruggero Deodato – 9

Il carrettiere della morte (1921) di Victor Sjostrom – 8

La casa (1981) di Sam Raimi – 9

La casa 2 (1987) di Sam Raimi – 8,5

La casa dalle finestre che ridono (1976) di Pupi Avati – 8,5

La casa dei vampiri (1970) di Dan Curtis – 8

Che fine ha fatto Baby Jane? (1962) di Robert Aldrich – 8

Classe 1999 (1990) di Mark L. Lester – 8

La cosa (1982) di John Carpenter – 10

Il demone sotto la pelle (1975) di David Cronenberg – 9

Il dottor Jackyll (1931) di Rouben Mamoulian – 8

Dracula (1931) di Tod Browning e Karl Freund – 9

L’esorcista (1973) di William Friedkin – 8,5

Essi vivono (1988) di John Carpenter – 8

Fantasmi (1979) di Don Coscarelli – 7,5

Frankenstein (1931) di James Whale – 8,5

Freaks (1932) di Tod Browning – 9

Il gabinetto del dottor Caligari (1920) di R. Wiene – 9

Il giorno della bestia (1995) di Alex de la Iglesia – 8,5

Godzilla (1954) di Ishiro Honda – 8

Halloween – La notte delle streghe (1978) di John Carpenter – 8,5

Hellraiser (1987) di Clive Barker – 7,5

Horror in Bowery Street: Street Trash (1987) di Jim Muro – 3

The host (2006) di Bong Joon Ho – 8

King Kong (1933) di Ernest Beaumont Schoedsack e Merian C. Cooper – 9

Kwaidan – Storie di fantasmi (1964) di Masaki Kobayashi – 8

L’invasione degli ultracorpi (1956) di Don Siegel – 8,5

La maschera del demonio (1960) di Mario Bava – 8,5

Il mostro della strada di campagna (1970) di Robert Fuest – 8

Non aprite quella porta (1974) di Tobe Hooper – 9,5

Nightmare (1984) di Wes Craven – 8

Nosferatu, il vampiro (1922) di F.W. Murnau – 10

La notte dei morti viventi (1968) di George A. Romero – 10

L’occhio che uccide – Peeping Tom (1960) di Michael Powell – 8

The Omen – Il presagio (1976) di Richard Donner – 9,5

Onibaba (1965) di Kaneto Shindo – 8

Picnic a Hanging Rock (1975) di Peter Weir – 9

Profondo rosso (1975) di Dario Argento – 8

Psyco (1960) di Alfred Hitchcock – 9

Rec (2007) di Jaume Balaguerò e Paco Plaza – 8

The ring (1998) di Hideo Nakata – 8

Rosemary’s baby (1968) di Roman Polanski – 9

Santa sangre (1989) di Alejandro Jodorowsky – 9

Saw – L’enigmista (2004) di James Wan – 8,5

Shining (1980) di Stanley Kubrick – 8

Lo sconosciuto (1927) di Tod Browning – 8

Il seme della follia (1994) di John Carpenter – 9

Il signore del male (1987) di John Carpenter – 9,5

Splatters – Gli schizzacervelli (1992) di Peter Jackson – 9

Suspiria (1977) di Dario Argento – 8,5

Il testamento del dottor Mabuse (1933) di Fritz Lang – 9

Tetsuo (1989) di Shin’ya Tsukamoto – 8

The toxic avenger – Il vendicatore tossico (1984) di Michael Herz e Lloyd Kaufman – 8

The wicker man (1973) di Robin Hardy – 8

I tre volti della paura (1963) di Mario Bava – 8

Tremors (1990) di Ron Underwood – 8

Videodrome (1983) di David Cronenberg – 9

Il villaggio dei dannati (1960) di Wolf Rilla – 9

Zombi (1978) di George A. Romero – 9

Zombie contro zombie (2017) di Shin’ichiro Ueda – 8

Film horror consigliati

Se vi sono piaciute “le basi”, potete proseguire la visione con questi titoli.

28 giorni dopo (2002) di Danny Boyle – 8

2000 Maniacs (1964) di Herschell Gordon Lewis – 8,5

Altered (2006) di Eduardo Sanchez – 7,5

Allucinazione perversa (1990) di Adrian Lyne – 8

Ammazzavampiri (1985) di Tom Holland – 8

Amsterdamned (1988) di Dick Maas – 7,5

Antichrist (2009) di Lars Von Trier – 8

Asylum blackout – The incident (2011) di Alexandre Courtès – 7,5

Babadook (2014) di Jennifer Kent – 8

Il bacio della pantera (1942) di Jacques Tourneur – 8

Ballata dell’odio e dell’amore (2010) di Alex de la Iglesia – 7,5

Benvenuti a Zombieland (2009) di Ruben Fleischer – 8

Black sheep – Pecore assassine (2006) di Jonathan King – 7,5

The Blair witch project (1999) di Daniel Myrick & Eduardo Sánchez – 8

La casa nera (1991) di Wes Craven – 8

Il cavaliere del male (1995) di Ernest R. Dickerson – 8

The changeling (1980) di Peter Medak – 8

La chiesa (1989) di Michele Soavi – 8

Cimitero vivente (1989) di Mary Lambert – 8

The conjuring (2013) di James Wan – 8

Cure (1997) di Kiyoshi Kurosawa – 7,5

Danza macabra (1964) di Antonio Margheriti e Sergio Corbucci – 8

Dead birds (2004) di Alex Turner – 8

Dead meat (2004) di Conor McMahon – 7,5

Dead snow (2009) di Tommy Wirkola – 7,5

Deliria (1987) di Michele Soavi – 8

Dementia (1955) di John Parker – 8

Demoni (1985) di Lamberto Bava – 8

Demoniaca (1992) di Richard Stanley – 8

The descent (2005) di Neil Marshall – 8

Dimensione terrore (1986) di Fred Dekker – 8

Dopo la vita (1973) di John Hough – 8

Drag me to hell (2009) di Sam Raimi – 8,5

eXistenZ (1999) di David Cronenberg – 8

The exorcism of Emily Rose (2005) di Scott Derrickson – 9

The faculty (1998) di Robert Rodriguez – 8

The fog (1980) di John Carpenter – 8

Il giorno degli zombi (1985) di George A. Romero – 8

Goksung – La presenza del diavolo (2016) di Hoong-jin Na – 8

Hardware – Metallo letale (1990) di Richard Stanley – 8

Haze – Il muro (2005) di Shin’ya Tsukamoto – 8

Inseparabili (1988) di David Cronenberg – 8

Insidious (2010) di James Wan – 7,5

It follows (2014) di David Robert Mitchell – 8

La jena: l’uomo di mezzanotte (1945) di Robert Wise – 8

Killer klowns from outer space (1988) di Stephen Chiodo – 8

Liberaci dal male (2014) di Scott Derrickson – 7,5

Lidrîs cuadrade di trê (2001) di Lorenzo Bianchini – 8

The lighthouse (2019) di Robert Eggers – 8

La lunga notte dell’orrore (1966) di John Gilling – 8

My name is Bruce (2007) di Bruce Campbell – 8

Madre Giovanna degli angeli (1961) di Jerzy Kawalerowicz – 8

Morti e sepolti (1981) di Gary Sherman – 8

Occhi senza volto (1960) di Georges Franju – 8

The objective (2008) di Daniel Myrick – 7,5

The old dark house (1932) di James Whale – 8

Oltre il guado (2013) di Lorenzo Bianchini – 7,5

Ore 10: calma piatta (1989) di Phillip Noyce – 7,5

The others (2011) di Alejandro Amenabar – 8

Paranormal activity (2007) di Oren Peli – 7,5

Pi greco – Il teorema del delirio (1998) di Darren Aronofsky – 8

Planet Terror (2007) di Robert Rodriguez – 8

Poultrygeist: night of the chicken dead (2006) di Lloyd Kaufman – 8

Quella casa nel bosco (2011) di Drew Goddard – 8

Racconti dalla tomba (1972) di Freddie Francis – 8

Radiazioni BX: distruzione uomo (1957) di Jack Arnold – 7,5

Ragazzi perduti (1987) di Joel Schumacher – 8

Resident evil (2002) di Paul W.S. Anderson – 7,5

Il ritorno dei morti viventi (1985) di Dan O’Bannon – 8

Il ritorno dei pomodori assassini (1988) di John De Bello – 8

Il signor Diavolo (2019) di Pupi Avati – 7,5

Scanners (1981) di David Cronenberg – 8

Scream (1996) di Wes Crawn – 8

Shin Godzilla (2016) di Hideaki Anno e Shinji Higuchi – 8

Shock (1977) di Mario Bava e Lamberto Bava – 7,5

Un secchio di sangue (1959) di Roger Corman – 8

Sei donne per l’assassino (1964) di Mario Bava – 8

Sette note in nero (1977) di Lucio Fulci – 8

Severance – Tagli al personale di Christopher Smith – 7,5

Slither (2006) di James Gunn – 8

Stake land (2010) di Jim Mickle – 8

Tenebre (1982) di Dario Argento – 8

Tesis (1996) di Alejandro Amenabar – 8

Three… extremes (2004) di Fruit Chan, Takashi Miike e Chan-wook Park – 8

Terror firmer (1999) di Lloyd Kaufman – 8

Tucker and Dale vs evil (2010) di Eli Craig – 7,5

Gli uccelli (1963) di Alfred Hitchcock – 8

L’uccello dalle piume di cristallo (1970) di Dario Argento – 8

L’ultima casa a sinistra (1972) di Wes Craven – 8

L’ultimo uomo della terra (1964) di Ubaldo Ragona e Sidney Salkow – 8

Under the blossoming cherry trees (1975) di Masahiro Shinoda – 8

L’uomo dagli occhi a raggi X (1963) di Roger Corman – 8

Vampires (1998) di John Carpenter – 7,5

La vendetta di Halloween (2007) di Michael Dougherty – 8

Zombi 2 (1979) di Lucio Fulci – 8

Appendice: L’horror e la fede

Spesso nei film horror compaiono esorcisti, mistici, santoni, medium e soggetti simili. Molti registi ricorrono a queste figure usandole come toppe per una trama traballante, o per lanciare patetici attacchi alle istituzioni religiose, alla superstizione della povera gente o all'(ab)uso di potere degli uomini di fede.

Tutto ciò, oltre che sintomo di un diffuso anticlericalismo, denota l’incapacità di spiegare l’inspiegabile. Un’incapacità che, da un altro punto di vista, rivela il bisogno di qualcosa che risponda all’esigenza di significato insita in ogni uomo. Né più né meno di questo.

Purtroppo si rinuncia a priori a una riflessione costruttiva su queste tematiche. La tendenza è quella di mettere in scena idee e preconcetti triti, quasi sempre incarnati in personaggi piatti e deboli. Il risultato è che un buon 80% della produzione cinematografica horror è spazzatura, giustificando coloro che identificano i film dell’orrore con la serie B (o Z) del cinema mondiale.

Il problema dell’horror

Il vero problema del cinema (e della letteratura) horror è che il mezzo espressivo è diventato preponderante sul contenuto.

Bram Stoker e Mary Shelley, scrivendo Dracula e Frankenstein, hanno messo a tema innanzitutto che cos’è l’uomo, raccontandolo attraverso vicende tetre e drammatiche, cioè storie dell’orrore. Così anche alcuni capisaldi della cinematografia horror sono nati per indagare questioni profonde, ma i titoli che hanno saputo scavare in profondità si contano sulle dita di una mano (guardatevi La notte dei morti viventi, L’esorcismo di Emily Rose e Santa sangre).

Col passare degli anni l’horror è decaduto a un livello di mero intrattenimento, con le pellicole migliori che si affidano solo una trama ben congegnata (come il primo episodio di SawGhiaccio rosso sangue), mentre altre sono efficaci almeno a livello tecnico ed emotivo (penso a Paranormal Activity, Rec e compagnia bella). Tutto il resto è da buttare o riderci su.

2 Commenti

  1. anonimo

    sei un grande

    Rispondi
  2. granchioletterato

    Grande…. E grosso!

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.