Pellegrinaggio da Casola Valsenio a Boccadirio

la salita al santuario di Boccadirio, ultimi metri del pellegrinaggio partito da Casola Valsenio

la salita al Santuario di Boccadirio: gli ultimi metri del pellegrinaggio partito da Casola Valsenio.

Dal 1980, l’ultimo weekend di agosto un gruppo di pellegrini parte a piedi da Casola Valsenio (RA) alle 2:30 del sabato per raggiungere il Santuario della Beata Vergine delle Grazie di Boccadirio (Castiglion dei Pepoli, BO) la domenica pomeriggio intorno alle 17. Il pellegrinaggio si conclude con la Santa Messa al Santuario alle ore 17:30.

Per tenerti aggiornato sul pellegrinaggio, segui la sua pagina Facebook. Esiste anche un sito dedicato al pellegrinaggio da Casola a Boccadirio, ma non è molto aggiornato.

Breve storia del pellegrinaggio da Casola Valsenio al Santuario di Boccadirio

Il primo pellegrinaggio da Casola Valsenio a Boccadirio si è tenuto nel 1980, come prolungamento del pellegrinaggio da Varsavia a Czestochowa compiuto l’anno prima da quattro casolani. Da allora il pellegrinaggio si ripete ogni anno e con qualsiasi condizione meteo l’ultimo fine settimana di agosto.

Nel tempo il numero di pellegrini è cresciuto gradualmente, arrivando a superare i 100 partecipanti.

Alcune curiosità sul pellegrinaggio Casola-Boccadirio

La leggenda dei 70 chilometri

Da sempre la lunghezza del percorso è oggetto di discussione. C’è stato un periodo in cui si vociferava di 72 chilometri, poi alcuni pellegrini storici si sono attestati sui 70 chilometri, ma il numero che sembra un po’ troppo rotondo per essere vero.

Negli anni 2000 la tendenza a ingigantire l’impresa si è persa in favore della tendenza opposta: c’è chi dice che sono 67, chi addirittura 65 o 643. Nemmeno le più moderne tecnologie sembrano esser riuscite a definire quanti sono effettivamente i chilometri percorsi dai pellegrini per raggiungere il Santuario di Boccadirio.

Io ho posto la mia “linea gotica” sui 67 km e da lì non retrocedo.

I mitici bollini

Come consuetudine, al termine del pranzo domenicale a San Giacomo vengono consegnati i bollini: 1 d’argento per ogni partecipazione, 1 d’oro alla terza (riconsegnando quelli d’argento) e 1 stella alla decima.

Il rituale solitamente è presieduto da Sandro Righini, uno dei “quattro casolani” che diedero vita al pellegrinaggio.

È un momento goliardico, testimonianza dell’amicizia nata o rinsaldata nei giorni di cammino e preghiera insieme.