Stamattina ho scovato questa recensione dei Nove racconti di J. D. Salinger fra le bozze del mio sito. Quando la scrissi, circa un anno fa, mi mancò un pizzico di incoscienza per pubblicarla. Oggi, che dei Nove racconti ricordo quasi nulla, la do in pasto al web senza remore. Lo ammetto: ho un problema con Salinger. […]

A tre mesi dall’uscita de I demoni delle campagne, con quattro presentazioni e un paio di eventi alle spalle, sento l’esigenza di rendere pubbliche alcune considerazioni generali. Le presentazioni sono viste come il luogo privilegiato per la vendita del libro (specie se lo scrittore non è una celebrità nazionale). Penso che siano tutti d’accordo su questo punto: editori, […]

Joseph Sheridan Le Fanu (Dublino, 1814-1873) era un bimbetto di 4 anni quando uscì Frankenstein di Mary Shelley, anche se forse apprezzò maggiormente Il vampiro di John William Polidori, uscito l’anno successivo. Il piccolo Joseph ancora non sapeva che sarebbe diventato uno dei più importanti narratori del soprannaturale; per la verità non l’avrebbe saputo mai, […]

Leggere un Dostoevskij o un Tolstoj è un’impresa nel vero senso della parola: la lunghezza e la portata delle opere principali di questi due giganti della letteratura russa richiedono un tempo e un’applicazione quasi paragonabili al tempo e all’applicazione necessari a dirigere un’azienda. Me ne rendo conto, il paragone è un po’ esagerato, e poi non vorrei […]

Pubblicato nel lontano 1965 (vendette solo 2000 copie), Stoner ha conosciuto il successo internazionale solo nel nuovo millennio, quando il suo autore, John Williams – nome che più anonimo non si può – era già bello che morto. “Stoner” significa “lapidatore”, “denocciolatore” o “fumatore di marijuana”, ma nel libro è semplicemente il cognome di William, […]