Simple Minds – New Gold Dream (81, 82, 83, 84)

È più che possibile che questo album vi faccia letteralmente schifo. Alla fine è musica dannatamente anni Ottanta, vacua e rarefatta, artificiosa e, a volte, noiosa. L’ho scelto perché c’è lei, quella New Gold Dream (81-82-83-84) semplice eppure clamorosa nel suo incedere galoppante, così fresca da risplendere ancora oggi nei concerti dei Simple Minds, dove viene suonata con rinnovata carica e rinforzata da una batteria martellante stile discoteca (mentre la voce di Jim Kerr è piena e calda come ai bei tempi).

Per il resto è un ottimo album. Promised You a Miracle, Glittering PrizeSomeone Somewhere in Summertime sono i single estratti dall’album: divennero l’emblema di un’epoca; se qualcuno li incidesse oggi venderebbero meno delle b-side di Anna Tatangelo. Ma New Gold Dream è bello proprio per questo: conserva intatto il sapore degli anni ’80, pregi e difetti inclusi.

  1. cover Simple Minds - New Gold Dream (81–82–83–84)Someone Somewhere in Summertime
  2. Colours Fly and Catherine Wheel
  3. Promised You a Miracle
  4. Big Sleep
  5. Somebody Up There Likes You
  6. New Gold Dream (81-82-83-84)
  7. Glittering Prize
  8. Hunter and the Hunted
  9. King Is White and in the Crowd

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.