Titta e le Fecce Tricolori

Direi di aprire con un bel VIETATO AI MINORI E AI PURI DI CUORE.

titta e le fecce tricolori live

So che con questo articolo mi gioco la credibilità… ma come si fa a non recensire il primo, fantasmagorico album di Titta e le Fecce Tricolori!?! 45 minuti di rock-pop-reggae-ska, una sorta di 883 in versione sessual-demenziale, con testi così scontati da esser quasi belli.

La gamma dei possibili intrecci sessuali è completa: dal triangolo (L’autoscatto) al fai da te (Telepippa) al “puttano” (La mille) all’altra sponda (Ciro e Toni) al telefonico (Sexy phone) al buco della serratura (Il guardone) per finire con le ipotesi più improbabili e irripetibili di Sozzo reggae. Mancava solo il trans, ma hanno rimediato tempestivamente nell’album successivo (“Uomini”, anno 1996).

A parte le tematiche, trattate sempre in maniera esplicita quanto ironica, la musica è proprio gradevole.

La voce di Titta è unica: monocorde, ammiccante, fantozziana… insomma, da maniaco. Le canzoni, non fosse per i testi, sarebbero ottime per le radio: orecchiabili, scanzonate, che metterebbero di buon umore anche Di Pietro.

La cosa sorprendente è che certi pezzi sono costruiti davvero bene: L’autoscatto e Sozzo reggae sono gioiellini pop con un paio di intuizioni musicali mica da poco. E se La mille è una schioppettata d’energia, le due cover Ciro e Toni (di A message to you Rudy di The Specials) e Ricominciamo (dell’originale di Pappalardo) sono i brani meno riusciti insieme alla scialba Bistecche alla griglia.

Titta e le Fecce Tricolori (1994)

  1. Il Cielo Di Praga
  2. Telepippa
  3. Sexy Phone
  4. L’autoscatto
  5. Uomo Dell’est
  6. Bistecche Alla Griglia
  7. Il Guardone
  8. A Fiona
  9. Passo Pordoi
  10. Figlio Di Butano
  11. Sozzo Reggae
  12. La Mille
  13. Lontano Da Te

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.